Le mangrovie, antiche alleate della natura.

mangrovie
Credits: Eden Reforestation Projects

Un team di ricerca guidato dall’UC Riverside e dall’UC San Diego si è proposto di capire come le mangrovie marine al largo della costa di La Paz, in Messico, assorbano e rilascino elementi come azoto e carbonio. L’esito è stato sorprendente.

È stato dimostrato infatti, come le mangrovie abbiano contribuito enormemente alla cattura del carbonio addirittura negli ultimi 5.000 anni!

Adattabilità estrema

Le mangrovie prosperano in condizioni che la maggior parte delle piante non sarebbe in grado di tollerare, come le acque costiere salate. Alcune specie hanno radici verticali che agiscono come boccagli quando le maree sono alte, facendole apparire come se galleggiassero su palafitte.

Quello che rende davvero portentose le mangrovie è il loro ruolo in un processo chiamato ciclo biogeochimico.

Si tratta di processi in gran parte guidati dai microbi. Il team ha condotto ricerche su quali batteri e funghi prosperino sulle mangrovie.

Quello che ci si aspettava è che il carbonio sarebbe stato trovato nello strato di torba sotto la foresta. Ma non che potesse avere 5.000 anni. Questo risultato, insieme a una descrizione dei microbi che hanno identificato, è ora pubblicato sulla rivista Marine Ecology Progress Series.

“La particolarità di questi siti di mangrovie non è che sono i più veloci nello stoccaggio del carbonio, ma che hanno mantenuto il carbonio per così tanto tempo. Sono ordini di grandezza in più di stoccaggio del carbonio rispetto alla maggior parte degli altri ecosistemi della regione”.

Emma Aronson, microbiologa ambientale dell’UCR e coautrice senior dello studio.

La torba alla base degli alberi di mangrovie è una combinazione di sedimenti sommersi e materia organica parzialmente decomposta.

Una traccia preistorica preziosa

Poco ossigeno arriva allo strato di torba più profondo, motivo per cui il team non ha trovato alcun fungo che vi vive; normalmente i funghi si trovano in quasi tutti gli ambienti della Terra. Tuttavia, l’ossigeno è un requisito per la maggior parte dei funghi specializzati nella scomposizione dei composti del carbonio. Il team potrebbe esplorare ulteriormente l’assenza di funghi nei futuri studi sulla torba di mangrovie.

Qui ci sono però più di 1.100 tipi di batteri che vivono sotto le mangrovie e che consumano ed espellono una varietà di elementi chimici. Molti di loro funzionano in ambienti estremi con livelli di ossigeno bassissimi. Tuttavia, questi batteri non sono efficienti nell’abbattere il carbonio. Più si entra in profondità nei terreni di torba, meno microrganismi si trovano.

“Non molto può abbattere il carbonio laggiù, o la torba stessa, se è per questo. Poiché persiste per così tanto tempo, non è facile farne di più o replicare le comunità di microbi al suo interno”

Mia Maltz, ecologista microbica dell’UCR e autrice dello studio

Ci sono altri ecosistemi sulla Terra noti per aver stoccato carbonio antico. Ne sono esempi il permafrost artico o antartico, dove il ghiaccio non si è ancora scongelato consentendo il rilascio di gas. Potenzialmente, lo stesso può avvenire anche in altre foreste di mangrovie. I ricercatori si stanno ora interessando a siti di ricerca sulle mangrovie anche alle Hawaii, in Florida e nella penisola messicana dello Yucatan.

Per approfondire il tema:

  1. La salute del mondo passa dal suolo.
  2. Qual è la resilienza delle foreste?
  3. Quanto vale un elefante?
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Team The Greenest

Team The Greenest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla nostra newsletter
ricevi mensilmente le notizie più interessanti su sostenibilità e greentech
Ultime notizie

Trasforma le parole in azione!

Scegli il tuo percorso:

Privati

Diventa un ambassador come privato e aiutaci a salvare il pianeta

Aziende

Diffondi una cultura della sostenibilità con la tua azienda