Lo stato delle foreste nell’era del cambiamento climatico.

By Team The Greenest

foreste nel mondo

By Team The Greenest

Il quadro complessivo delle foreste nel mondo è a dir poco paradossale. Una situazione divisa fra zone con marcati segnali di rinverdimento al nord e zone a clima tropicale in cui il disboscamento è decisamente più evidente. Con tante incongruenze che entrambe le tendenze provocano e provocheranno.

L’anomalo aumento del verde al Nord.

Secondo quanto riportato da Science, la tundra artica sta scomparendo, i cespugli stanno germogliando e i salici che una generazione fa hanno lottavano per raggiungere il metro di altezza ora crescono oltre i 3 metri, nascondendo le renne. I sondaggi mostrano che il distretto autonomo di Nenets, un’area dell’Artico grande quanto la Florida, ha ora quattro volte più alberi degli inventari ufficiali registrati negli anni ’80.

In alcuni punti gli alberi avanzano lungo un ampio fronte, ma in altri gli aumenti sono più irregolari, afferma in un articolo di Science l’ecologo forestale Dmitry Schepaschenko dell’Istituto internazionale per l’analisi dei sistemi applicati in Austria, che ha mappato l’inverdimento della tundra siberiana.

Tutto intorno al Circolo Polare Artico, gli alberi stanno aumentando mentre il clima si riscalda. In Norvegia, betulle e pini stanno marciando verso i poli, eclissando la tundra. In Alaska, l’abete rosso sta prendendo il posto di muschi e licheni. A livello globale, ricerche recenti indicano che le foreste si stanno espandendo lungo due terzi della linea arborea settentrionale della Terra, lunga 12.000 chilometri, il punto in cui le foreste lasciano il posto alla tundra, mentre si allontanano solo dell’1%.

Gli aumenti forestali non sono limitati all’estremo nord. Alle latitudini più basse, anche alcune regioni più calde e aride stanno assistendo a un aumento degli alberi, in parte perché le crescenti concentrazioni di anidride carbonica (CO2), il principale gas che riscalda il pianeta, stanno consentendo alle piante di utilizzare l’acqua in modo più efficiente e prosperare in suoli più asciutti. E gli effetti fertilizzanti della CO2 stanno consentendo alle foreste esistenti di aggiungere più foglie e legno, aumentando la loro biomassa.

Più verde non è –sempre- positivo.

Potrebbe sembrare una notizia sorprendentemente buona per frenare il riscaldamento globale. Le foreste hanno spesso un effetto rinfrescante, rilasciando composti organici e vapore acqueo che favoriscono la formazione di nuvole. Inoltre, gli alberi a crescita più rapida assorbirebbero più carbonio atmosferico e lo bloccherebbero nel legno.

Ma il calcolo degli effetti climatici delle foreste è tutt’altro che semplice e la ricerca emergente suggerisce che un mondo più boscoso non sarà necessariamente un mondo più fresco. Le nuove foreste potrebbero aumentare il riscaldamento in alcune aree, ad esempio riducendo la quantità di luce solare riflessa nello spazio. Nel tempo, ciò potrebbe compensare eventuali guadagni nell’assorbimento del carbonio.

Secondo la scienziata ambientale Deborah Lawrence dell’Università della Virginia, le foreste non sono solo spugne di carbonio. Ma quella complessità, aggiunge, non è adeguatamente catturata dalle attuali metriche carbon-centriche.

Il quadro della situazione a sud.

È un quadro sorprendentemente diverso quello che si sta svolgendo ai tropici, dove centinaia di migliaia di ettari di foresta vengono persi ogni anno a causa di motoseghe e incendi. Simultaneamente il cambiamento climatico sta stressando gli alberi rimanenti. Ma quelle perdite tropicali potrebbero essere più che compensate piantando nei prossimi decenni alberi a crescita più rapida.

Per tenere conto di come le foreste influenzeranno il clima futuro, i ricercatori devono non solo tenere conto delle tendenze attuali, ma anche prevedere come forze potenti come le ondate di incendi e temperature più calde potrebbero influenzare le foreste, a volte aiutando e talvolta danneggiando le loro capacità di assorbire il carbonio atmosferico.

Storicamente, i ricercatori hanno concentrato gran parte della loro attenzione sulle perdite del bilancio forestale. Ad esempio, quantificando la costante erosione delle foreste tropicali, uno dei principali pozzi di carbonio del pianeta. In Amazzonia, la foresta tropicale più estesa del mondo, le notizie sono state quasi incessanti. Complessivamente, si è ridotta di circa il 18% dagli anni ’70 a causa della deforestazione.

Nel 2007, il meteorologo Carlos Nobre dell’Istituto nazionale per la ricerca spaziale (INPE) del Brasile ha avvertito che le perdite in corso potrebbero trasformare l’Amazzonia da pozzo di carbonio globale a una nuova significativa fonte. Le simulazioni del ciclo idrologico dell’Amazzonia, hanno mostrato che la deforestazione renderebbe le foreste pluviali più secche, ridurrebbe la crescita degli alberi e ne favorirebbe la perdita, con conseguente rilascio netto di carbonio nell’atmosfera.

Ma il riscaldamento continuo sta lavorando contro le foreste tropicali, anche quelle che sono ancora intatte. Uno studio internazionale che ha monitorato 300.000 alberi in più di 500 appezzamenti di foreste tropicali intatte in 30 anni ha rilevato che anche senza deforestazione, la loro capacità di catturare CO2 ha raggiunto il picco negli anni ’90 e da allora è diminuita di un terzo. Il declino è iniziato in Amazzonia e dal 2010 si è esteso all’Africa tropicale, afferma il coautore Simon Lewis, ecologista vegetale presso l’University College di Londra. Le tecniche di telerilevamento che valutano i cambiamenti nell’area fogliare totale prodotta da alberi e altre piante suggeriscono anche che molte foreste tropicali stanno rallentando l’assorbimento di carbonio.

Sullo stessa tema:

  1. Una “simulazione” per ridurre il rischio di frane.
  2. UE goes Green: verso un futuro più verde entro il 2030.
  3. Quattro aspetti della riforestazione
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Team The Greenest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla nostra newsletter
ricevi mensilmente le notizie più interessanti su sostenibilità e greentech

Trasforma le parole in azione!

Scegli il tuo percorso:

Privati

Diventa un ambassador come privato e aiutaci a salvare il pianeta

Aziende

Diffondi una cultura della sostenibilità con la tua azienda

Iscriviti alla Newsletter