Overshoot Day 2022: quando le risorse biologiche finiscono.


Notice: Undefined index: id in /home/670702.cloudwaysapps.com/ndgarpmxma/public_html/wp-content/plugins/elementor/includes/controls/groups/image-size.php on line 110

By Team The Greenest

overshoot day 2022

Notice: Undefined index: id in /home/670702.cloudwaysapps.com/ndgarpmxma/public_html/wp-content/plugins/elementor/includes/controls/groups/image-size.php on line 110

By Team The Greenest

L’Overshoot Day o «debito ecologico» quest’anno è arrivato ufficialmente il 28 luglio. Questo significa che sono state consumate tutte le risorse biologiche dell’intero anno della Terra.

È la Global Footprint Network l’organizzazione che ogni anno si occupa di conteggiare le risorse del pianeta a livello internazionale, sfruttate durante l’anno. Questa “conta” viene determinata dall’impronta Ecologica, meglio nota come carbon footprint. I fattori che ne determinano l’esito sono molteplici, fra cui le emissioni di CO2, le perdite di biodiversità, di foreste, di acqua dolce, la deforestazione, il surriscaldamento globale e altri fattori.

Un anticipo “pesante”.

L’anno scorso l’Overshoot Day è arrivato un giorno dopo, il 29 luglio. Mentre durante il primo anno della pandemia, la data di limite massimo è arrivata il 22 agosto addirittura il mese successivo. A provocarne il ritardo certamente le restrizioni alla mobilità dovuta alla pandemia, che hanno bloccato auto, aerei e altri mezzi di trasporto, oltre che un dispendio energetico notevolmente diminuito.    

La situazione italiana

Oltre alla giornata internazionale, ne esiste anche una nazionale. Quella italiana è stata il 15 maggio 2022. Stando alle stime, l’Italia ha molto da fare per ridurre sensibilmente lo sperpero energetico. L’Italia infatti, consuma per più di cinque “italie”. La cosa sconcertante è che è seconda solo al Giappone, battendo anche Cina, Germania e Spagna.

Com’è iniziato tutto.

L’unica magra consolazione, che in realtà è stata una necessità incontrovertibile, è la consapevolezza climatica che ormai è globalmente diffusa. Negli anni 70 infatti, quando le risorse biologiche hanno iniziato a deficitare e il mondo è entrato in overshoot, era ancora lontana una forte volontà a cambiare tendenza.

Cosa si può fare subito.

Non è ancora troppo tardi, ma si deve certamente agire di più, prima e soprattutto insieme.

Per citare il sito dell’organizzazione:

“Stiamo entrando in una “tempesta” di cambiamenti climatici e limitazioni delle risorse biologiche. Prima le aziende, le città e i paesi pianificano in anticipo e si preparano per il futuro prevedibile, maggiori sono le loro possibilità di prosperare. C’è un immenso potere di possibilità nelle molte soluzioni esistenti pronte per essere implementate su larga.”

Global Footprint Network

Con il programma “100 giorni di possibilità”, l’organizzazione indica iniziative concrete con cui l’umanità può iniziare davvero a invertire una tendenza spaventosa.

Per fare di più:

  1. La salute del mondo passa dal suolo.
  2. Dal Ticino è in arrivo una vera rivoluzione verde.
  3. UE goes Green: verso un futuro più verde entro il 2030.
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Notice: Undefined index: id in /home/670702.cloudwaysapps.com/ndgarpmxma/public_html/wp-content/plugins/elementor/includes/controls/groups/image-size.php on line 110

Team The Greenest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla nostra newsletter
ricevi mensilmente le notizie più interessanti su sostenibilità e greentech
Ultime notizie

Trasforma le parole in azione!

Scegli il tuo percorso:

Privati

Diventa un ambassador come privato e aiutaci a salvare il pianeta

Aziende

Diffondi una cultura della sostenibilità con la tua azienda